FAIRY TALE INN

intervista all'autore Remo Conzadori

1) Ciao Remo iniziamo con la prima domanda, come giocatore che tipo di giochi da tavolo preferisci? 


Gioco qualunque cosa mi venga proposta, ma ho una predilezione per gli eurogame di media difficoltà. Mi piacciono anche quelli più complessi ma quando la partita si dilunga oltre le 2 ore mi diventa difficile intavolarli.

In generale comunque presto più attenzione alla qualità delle meccaniche che all'ambientazione.

2) Come è nata l'idea di realizzare Fairy tale inn?


Ogni tanto mi sfido a "svecchiare" un gioco classico e quando ho pensato al Forza 4 l'idea di togliere il determinismo dell'unica regola di vittoria per aggiungere tanti poteri speciali alle tessere è stato un attimo. Facendo playtest con Paolo Mori è saltato fuori che anche lui aveva un proto che partiva dallo stesso concetto e la migliore decisione è stata quella di unire i progetti. Così è nato Fairy Tale Inn

3) Ci descrivi brevemente il gioco? 


Nel paese delle favole c'è una bizzarra locanda condivisa da 2 proprietari. I protagonisti delle favole sono in città per una fiera e cercano un posto dove dormire, solo che ognuno ha le sue strambe preferenze, riuscirai ad accontentarli e a ricevere più monete del tuo avversario?

4)  Qual'è lo scopo del gioco?


Lo scopo del gioco è far cadere le tessere in una plancia verticale cercando di soddisfare nel modo migliore i requisiti delle tessere avventore in modo da ottenere più monete possibile. Essendo una plancia condivisa puoi tener conto dei piani dell'avversario e infastidirlo con una tessera ben piazzata.

5) Hai altri progetti per il futuro?

Quest'anno dovrebbero uscire 3 nuovi giochi e un quarto è temporaneamente sospeso vista la sua natura che mal si concilia con la situazione pandemica che stiamo vivendo.Uno di questi è un tableau building basato tutto sull'avanzamento su tracciati. Un altro paio sono investigativi che puntano più sull'esperienza che sulla meccanica. Incredibile per un eurogamer?

6) Vuoi fare qualche ringraziamento?


Ringrazio sicuramente la mia famiglia che mi supporta in questa attività, il mio gruppo di gioco (River Forge) che per primi provano orrendi prototipi e la community di inventoridigiochi.it e FB di idg inventori di giochi.

Ringraziamo Remo Conzadori per questa sua intervista e per averci dedicato un poco del suo tempo e gli facciamo un grande in bocca al lupo per i suoi prossimi progetti.

REMO CONZADORI CON IL SUO GIOCO

IMG_20210422_121654_084.jpg

REMO SI "NASCONDE" DIETRO IL GIOCO

IMG_20210422_121651_733.jpg