PARANORMAL RESEARCH

intervista all'autore Giulio Scorpiniti

1) Giulio partiamo con la prima domanda, come giocatore che tipo di giochi da tavolo preferisci?


Amo i giochi cooperativi sia leggeri che impegnativi, mi piace collaborare con i miei compagni ludici per risolvere situazioni insieme e battere il gioco scambiando opinioni e aiutandoci a vicenda. Preferisco giochi con lunghe durate, quelli veloci non mi entusiasmano. Uno dei giochi che adoro maggiormente è Dead of winter, l’interazione con gli altri giocatori è davvero notevole.

2) Come è nata l'idea di realizzare Paranormal Research?


Da amante di giochi da tavolo ho sempre avuto il sogno di realizzare un gioco tutto mio, avevo più di una idea in testa ma poi la scelta del mio primo gioco è andata sul mondo del paranormale perché sono stato sempre appassionato dei fenomeni che risultano contrari alle leggi della fisica ed anche perché dal 2008 ho un team di cacciatori di fantasmi e dalle esperienze sul campo ho realizzato Paranormal Research.

3) Ci descrivi brevemente il gioco?


Paranormal Research è ambientato in una casa infestata da fantasmi ed ovviamente è un gioco cooperativo. Impersoniamo dei cacciatori di fantasmi, si può giocare sia in solitaria che in gruppo per un totale di 5 giocatori. Come in una vera indagine sono presenti gli equipaggiamenti necessari a rilevare la reale infestazione. Ogni personaggio predilige determinati equipaggiamenti e potrà interagire solo con essi. Il leader del gruppo dovrà essere sempre presente in gioco ed in solitaria si userà esclusivamente lui, perché può recuperare ogni tipo di equipaggiamento. Il gioco può durare dai 30 minuti fino anche oltre l’ora e mezza, dipende come si mettono gli eventi nel gioco, ogni partita è sempre diversa.

4) Qual è lo scopo del gioco?

Lo scopo del gioco è recuperare tutti gli equipaggiamenti piazzati nelle varie stanze ad inizio gioco e tornare vivi nella propria casella iniziale se i fantasmi ve lo permetteranno, infatti ad ogni nostra mossa i fantasmi si muoveranno di conseguenza con delle carte che ci diranno dove avanzeranno, ci saranno scontri contro di loro nel caso un personaggio venga ingaggiato e si potranno perdere punti vita preziosi, in base ai dadi ci saranno carte evento imprevedibili da pescare prima di recuperare gli equipaggiamenti, ma non è tutto come ogni indagine che si rispetti, abbiamo a disposizione anche un rilevatore EMF il quale innalzandosi da determinati eventi in gioco potrà far comparire un nuovo fantasma, far perdere punti vita a tutta la squadra e addirittura portare alla morte di tutti i giocatori, in caso di morte di uno o più personaggi saranno quelli rimasti in gioco a cercare di concludere l’indagine e se è il leader a morire si nominerà un nuovo leader.

5) Hai altri progetti per il futuro?

Attualmente sto lavorando a due progetti, all’espansione di Paranormal Ressearch, che prenderà il nome di “A new adventure”, carte rinnovate e nuovi imprevedibili eventi daranno vita ad una nuova indagine da risolvere e senza il gioco base ovviamente non potrà essere giocato. Poi sto scrivendo insieme a due miei cugini, Giuliano e Bruno un librogame che darà il via ad una serie anch’essa dedicata al mondo del paranormale intitolata “Avventure paranormali”non ci saranno solo fantasmi.

6) Vuoi fare qualche ringraziamento?


Certo ringrazio innanzitutto Tambù srl che mi ha dato modo di pubblicare un gioco tutto mio, Francesco Corli per le illustrazioni, la mia famiglia che ha creduto nel mio progetto, ringrazio poi Giuliano e Bruno, fratelli più che cugini, con loro ho avuto modo di testare a fondo il prototipo di Paranormal Research ed infine ovviamente ringrazio le persone che lo hanno acquistato e lo acquisteranno. Se posso oltre ai ringraziamenti vorrei fare un saluto ai miei nipoti Nicodemo e Stephan.

Una curiosità che ci ha raccontato l’autore Giulio Scorpiniti; il suo gioco ha partecipato alla raccolta fondi nel mese di marzo 2020 e parte dell’incasso delle vendite è stata donata all’ospedale Luigi Sacco di Milano per la lotta contro il coronavirus, un bel gesto.

Ringraziamo Giulio Scorpiniti, per questa intervista ed averci dedicato un po’ del suo tempo e gli porgiamo i nostri auguri per i suoi prossimi lavori.

IMG_20210227_111214_pp.jpg

GIULIO SCORPINITI

IMG_20201231_135648.jpg

COMPONENTI DEL GIOCO

IMG_20201008_214646.jpg

IL RETRO DELLA SCATOLA (CLICCARE SULL'IMMAGINE PER ANDARE ALLA PAGINA UFFICIALE DEL GIOCO)